Le strade della paura, Seconda parte

Prosegue la denuncia degli abitanti di Torre del Mare: la risposta del Difensore Civico.

Prosegue la vicenda “attraversamento pedonale a Torre del Mare”.

Il Gruppo di residenti e non, “Noi, quelli di Torre”, dopo essersi rivolto al Difensore Civico di Savona, Dr. Francesco Lalla, ha ottenuto una prima risposta.

Il Comune di Bergeggi tace, per ora nessuna reazione.

Parlare di insicurezza o di prevenzione forse non è di moda, bisogna necessariamente attendere che la gente muoia o sia coinvolta in gravi incidenti prima di agire?

“Noi, quelli di Torre”, decidono per una posizione diametralmente opposta: vogliono prevenire gli incidenti, piuttosto che piangere sui morti.

Questa posizione, di per sé banalmente ovvia, sembra non essere presa in seria considerazione. Non mi riferisco solo al Comune di Bergeggi, ma a tutti quegli Enti che con l’abilità di un giocoliere si rimpallano la decisione e le responsabilità.

Gli Abitanti di Torre del Mare desiderano la chiarezza e soprattutto dei progetti realizzabili in tempi rapidi. Sono passati oltre cinquant’anni da quando fu creata Torre del Mare, e si pensa che gli Enti di tempo ne abbiano avuto abbastanza.

Saremo presenti con la dovuta attenzione per tenervi aggiornati sugli sviluppi della Vexata Quaestio.

Fonte: bdtorino.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *